NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

i nostri Soci:

Centro studi per la documentazione storica ed economica dell'impresa

Newsletter

Inviaci i tuoi dati per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative
 
 
* campo obbligatorio
 

Ermanno Olmi, il mio Cinema industriale

Ermanno Olmi, Tre fili fino a Milano, 1958 Intervista esclusiva del 18 novembre 2008

In occasione dell'VIII Giornata del cinema industriale, il Maestro Olmi (1931-2018) ha concesso al nostro Archivio di raccogliere una testimonianza inedita sul suo lavoro presso la Sezione Cinema Edisonvolta, attraverso un'intervista rilasciata al giornalista Vincenzo Mollica. A pochi giorni dalla scomparsa, vogliamo ricordare il suo lavoro con le parole raccolte in quell'occasione.

L'evento che celebrava i primi 10 anni di attività del nostro Archivio ha avuto l'onore di accogliere un contributo del Maestro Olmi che, pur non potendo partecipare di persona alla Giornata, in quanto impegnato nella realizzazione del documentario Terra Madre, ha voluto inviare un ricordo della sua esperienza nell'ambito della cinematografia industriale.

Ermanno Olmi racconta il suo cinema industriale

Ermanno Olmi racconta il suo Cinema industriale

Intervista rilasciata dal Maestro Olmi, in occasione dellVIII Giornata del Cinema industriale


Ermanno Olmi racconta il suo Cinema industriale
 

Ermanno Olmi iniziò a lavorare appena ventenne per la società elettrica Edison, creando e dirigendo il servizio cinematografico della società milanese, tra il 1953 e il 1961. Sotto la guida del giovane regista vennero realizzati circa una trentina di documentari, che rappresentano un punto di svolta fondamentale nella storia del cinema industriale italiano e nel percorso di formazione di Olmi (non a caso, il suo primo lungometraggio, Il tempo si è fermato, 1959, fu originariamente concepito come soggetto di un documentario sul lavoro di vigilanza delle dighe).

L'attenzione al quotidiano e alle piccole storie di gente comune (cifra stilistica caratteristica di Olmi, nota anche al grande pubblico attraverso L'albero degli zoccoli, 1977) sono elementi centrali già nell'esordio documentaristico del regista, dove la dimensione narrativa è sempre quella delle piccole storie del lavoro e non l'esaltazione magniloquente della tecnologia.