NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

i nostri Soci:

Centro studi per la documentazione storica ed economica dell'impresa

Newsletter

Inviaci i tuoi dati per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative
 
 
* campo obbligatorio
 

XII - Grandi registi per il cinema industriale

b_357_283_16777215_00_images_settimana_s2013.jpg

24 novembre 2013 - La Triennale, Milano

L'Archivio del cinema industriale e della comunicazione d'impresa (LIUC – Università Cattaneo), in collaborazione con Museimpresa e Archivio Nazionale Cinema d'Impresa presenta una serata di proiezioni dedicata ai grandi autori del cinema italiano e internazionale che si sono misurati con il genere del documentario d'impresa o con altre forme di comunicazione aziendale.

 

Dopo un doveroso omaggio a Olmi, le proiezioni si concentreranno sulla stagione più matura della comunicazione industriale, gli anni 1980-2000, durante la quale vennero chiamati a dirigere documentari e spot registi che avevano già raggiunto la celebrità con le loro opere di fiction.

L'orizzonte di amplia: l'industria viene vista in maniera problematica e complessa, approfondendo temi nuovi come quelli della responsabilità verso le comunità locali e l'ambiente (presenti, ad esempio, in ICAM 300 giorni, realizzato per eni da Valentino Orsini e i fratelli Taviani). Il linguaggio cinematografico si arricchisce di apporti nuovi che vengono da contesti culturali diversi dall'Italia: è il caso dei ritmi distesi e dei grandi spazi che caratterizzano la narrazione del grande regista russo Nikita Michalkov (Elegia russa, per FIAT), oppure della sensualità dirompente ed eccessiva infusa nei filmati pubblicitari del regista indiano Tarsem Singh.

  • Marco Montemaggi, Consigliere Museimpresa
  • Daniele Pozzi, Vicedirettore Archivio del cinema industriale e della comunicazione d'impresa